ISCRIZIONE 2014 quota minima €. 30,00 anche a mezzo C.C. POSTALE n. 001017197615 intestato a Emilio Martucci (tesoriere dell'ass. Radicale "Per la Grande Napoli")
L'associazione politica Radicale "Per la Grande Napoli" e' un'associazione territoriale riconosciuta dal movimento politico "Radicali Italiani" costituitasi a Napoli nel dicembre del 2006. Scopo dell'Associazione e' sostenere le iniziative del movimento politico "Radicali Italiani" , del "Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito" e delle associazioni di esse costituenti; promuovere la conoscenza ed il dibattito sui problemi dell'area metropolitana di Napoli e su quelli della regione Campania. L'Associazione in quanto tale non partecipa ad alcuna competizione elettorale e non agisce a fini di lucro. L'iscrizione all'associazione è aperta a chiunque e dà diritto al voto, alla determinazione delle iniziative, alla elezione tra e degli organi direttivi durante i congressi.

Vieni in sede!


Visualizza Radicali Per la Grande Napoli in una mappa di dimensioni maggiori
Il mio stato

  • Eutanasia, Cappato: il Governo intervenga per garantire la trattazione delle leggi di iniziativa popolare 23 aprile 2014
    23/04/14 Si è tenuto oggi davanti a Montecitorio per la sesta settimana consecutiva il presidio per chiedere al Parlamento una risposta ai firmatari della proposta di legge di iniziativa popolare per l'eutanasia legale.Marco Cappato, promotore della campagna e presente oggi insieme a Marco Perduca e Matteo Mainardi, ha tra l'altro dichiarato:
  • 2° bollettino medico di Marco Pannella 23 aprile 2014
    23/04/14 Roma, 23 aprile 2014 - L'on. Marco Pannella ha trascorso una notte tranquilla presso il Policlinico universitario “A. Gemelli”. Le sue funzioni cardiocircolatorie e respiratorie sono buone e già dalle prime ore di ieri è in respiro spontaneo, senza la necessità di ossigenoterapia. Le sue funzioni neurologiche sono assolutamente integre, con una
  • Michele Governatori interviene su SkyTG24 23 aprile 2014
    22/04/14 Su SkyTG24 il 18 aprile 2014 è andato in onda uno speciale focus sulla manovra economica presentata dal premier Matteo Renzi con il Documento di economia e finanza.Ad intervenire in collegamento video con lo studio del tg, il radicale Michele Governatori, membro della direzione di Radicali Italiani.Riproponiamo di seguito il video integrale dell
  • Segreto Stato, Perduca: Renzi inizi col declassificare documenti sul ruolo dell'Italia nella preparazione della guerra in Iraq 23 aprile 2014
    23/04/14 Dichiarazione di Marco Perduca, senatore nella XVI legislatura e rappresentante dall'Onu del Partito Radicale:"Se il Presidente Renzi è veramente intenzionato ad aprire gli armadi che contengono migliaia di documenti secretati, occorre da subito si includano nella lista di ciò che è necessario far conoscere agli italiani (e non solo) anche
  • Fenice-EDF: fermi all’anno zero! 22 aprile 2014
    Comitato Diritto alla Salute: "Messa in sicurezza del sito non funziona"Ancora una volta grazie a Maurizio Bolognetti apprendiamo nuove angoscianti notizie circa l'inquinamento provocato dall'inceneritore Fenice-EDF. Fiat-Sata e Snowstorm hanno condotto autonomamente indagini nei loro siti confermando quanto stiamo ripetendo da anni: la m
radioradicale

Altro che bamboccioni: sono in fuga disperata

di Pietro Greco, da www.sinistrasvegliati.eu, 09-02-2012

«Vogliono il posto fisso, magari vicino a mamma e papà». La frase di Annamaria Cancellieri, Ministro degli Interni, è infelice: come lei stesso ha ammesso. Ma l’idea che i giovani italiani siano dei bamboccioni che si aggrappano fin che possono alle gonnelle della mamma è un pensiero così diffuso da assurgere ad autentico luogo comune. Che non risparmia neppure i “ministri tecnici”: ricordate Tommaso Padoa-Schioppa? Ironia della sorte. Mai come negli ultimi 15 anni gli italiani – in particolare i giovani; in particolare i giovani meridionali laureati – hanno lasciato le gonnelle della mamma e si sono mossi in massa. In questi tre lustri abbiamo subito e non ce ne siamo accorti al più grande fenomeno di migrazione, qualificata e non, nella storia del nostro Paese, che pure è una storia di migranti.

Tra il 1997 e il 2009, calcola per esempio lo SVIMEZ, circa 800.000 persone hanno lasciato definitivamente il Mezzogiorno d’Italia per cercare lavoro e prendere la residenza  altrove. Non abbiamo dati definitivi, ma è probabile che negli ultimi due anni le persone che hanno lasciato il Mezzogiorno per prendere residenza al Centro-Nord o all’estero sono stati almeno altri 200.000. Cosicché in meno di 15 anni hanno lasciato definitivamente il Sud almeno un milione di persone. A questi migranti stabili, occorre aggiungere i pendolari. Ovvero coloro che, pur conservando la residenza nel Mezzogiorno, hanno trovato un lavoro lontano da casa.     Nell’anno di picco, il 2008, sono andati via dal Sud, cambiando residenza o iniziando un’esperienza di pendolarismo, in 295.000. Certo, sull’onda dell’incipiente crisi economica, in 60.000 sono rientrati. Ma il saldo netto negativo è stato di 235.000 unità. Tra il 2008 e oggi il fenomeno ha subito rallentato – nel 2010 sono stati in 121.000 (contro i 173.000 del 2008) i bamboccioni residenti nel Mezzogiorno che hanno accettato un posto di lavoro al Centro-Nord (soprattutto in Lombardia, Emilia-Romagna e Lazio) o addirittura all’estero: ma non perché ci sia stato un ritorno di fiamma dell’attaccamento alla gonnella della mamma, semplicemente  perché sono diminuite le offerte di lavoro anche al Centro e al Nord.

Il fenomeno migratorio di questi ultimi 15 anni è stato davvero imponente e paragonabile a quello degli anni ’50. Ma con una differenza. Rispetto a quella dei nonni, è cambiata la tipologia dei migranti dal Sud. Oggi sono per lo più giovani – altro che bamboccioni – ma con un livello di medio o alto di studio: l’80% ha meno di 45 anni e quasi il 50% svolge professioni di livello elevato. Il 24% è laureato. È andato – sta andando – via un pezzo consistente di classe dirigente. Si calcola che in totale, dal 2000 a oggi, abbiano lasciato stabilmente il Sud, cambiando residenza, circa 140.000 giovani laureati. Ad andarsene sono sempre più i bravi (spesso con una laurea scientifica):  nel 2004 ha lasciato il Sud il 25% dei laureati con il massimo dei voti; tre anni più tardi, nel 2007, la percentuale era già balzata a quasi il 38%. Ad andarsene sono sempre più i giovani con una laurea scientifica. Quelli che sono rimasti difficilmente hanno trovato occupazione. Tanto che lo SVIMEZ parla di un brain waste, di uno spreco dei cervelli, che nel Sud accompagna e supera il brain drain, al drenaggio dei cervelli.

La capacità di drenaggio da parte del Centro e del Nord è stata tale che nel 2008 il 41,5% dei meridionali laureati occupati lavorava lontano da casa: dieci punti percentuali in più che nel 2001. Negli ultimi anni, dunque, abbiamo assistito non a una «fuga», ma a una «rotta dei cervelli»: un fuggire disperato. Ma nemmeno i giovani del Centro e del Nord sono rimasti aggrappati alle gonnelle della mamma. Il numero di giovani laureati italiani (del Sud, dal Centro e del Nord) che sono andati all’estero per compiere almeno la prima esperienza di lavoro è del tutto analoga a quella degli altri paesi europei. Anzi, i giovani italiani con una laurea scientifica che lavorano all’estero è persino superiore a quella dei loro coetanei francesi, inglesi o tedeschi. E, in media, sono più bravi. Altro che vicino a mamma e papà. Purché ci sia lavoro, i giovani italiani sono più che disponibili a lasciare la propria terra e dimostrare la loro bravure. Purché ci sia lavoro, appunto.

Condividi

I commenti sono chiusi